Sem, il Chattadino: un chatbot per le PA

Nuovo progetto in casa ETI3: un framework per la creazione di chatbot specializzati nel settore della Pubblica Amministrazione. SI tratta di Sem, il Chattadino, finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del Bando II Ricerca e Sviluppo 2017.

Sem è un ambiente virtuale che consentirà di creare chatbot, assistenti digitali in grado di simulare una conversazione con un operatore umano, rispondendo a domande riguardanti qualsiasi ente pubblico posto a diversi livelli territoriali.

Le competenze di Sem derivano da una potente pipeline di elaborazione linguistica e semantica, sviluppata da ETI3 in collaborazione con l’Università di Pisa. l’Ateneo, il primo ad occuparsi di Linguistica Computazionale in Italia, svilupperà gli aspetti di Intelligenza Artificiale (AI) per analizzare ed estrarre informazioni da dati strutturati e non.

Le interazioni del chatbot saranno monitorate in tempo reale da una dashboard prodotta da Bnova, applicando tecniche di Big Data&Semantic Analysis e Data Visualization specifiche, e rispettando la privacy degli utenti. Sem potrà essere interrogato senza abbandonare la propria app di messaggistica. Sarà infatti garantita la compatibilità con le app più diffuse, come Telegram, Skype e Facebook Messenger. Chi non è iscritto a questi servizi potrà dialogare con il Sem attraverso una app dedicata, sviluppata da Rigel Engineering.

Sem si rivolge anzitutto alle PA che vogliono avvicinarsi ai cittadini risparmiando, offrendo un servizio automatico ed efficace, disponibile 24/7 e senza tempi di attesa. Sem offrirà loro un valido supporto nell’adempimento degli obblighi del nuovo Piano Triennale per l’Informatica e del FOIA. Ciò sarà possibile anche attraverso l’integrazione del proprio database con banche dati, contenuti di social e siti web e atti amministrativi, la cui valorizzazione è già lo scopo di SemplicePA. Così Sem si rivolge anche a giornalisti e attivisti che vogliono vigilare sull’operato dell’ente pubblico. Sem si rivolge ai comuni cittadini che vogliono ottenere informazioni o inviare segnalazioni al comune in cui vivono. E si rivolge infine ai turisti che vogliono partecipare ad eventi o visitare il patrimonio culturale di un certo territorio.

In ambito Industria 4.0, infine, Sem potrà offrire servizi di knowledge management e amministrazione aziendale seguendo semplici passi di configurazione. Secondo alcuni studi nei prossimi anni saranno i chatbot la prima tecnologia di AI per il customer care. Gli italiani ormai da un anno sono sopra alla media europea per l’utilizzo di chat. Ecco perché anche molte amministrazioni stanno cercando di raggiungerli attraverso questo canale. Parliamo di Bot in grado di svolgere compiti circoscritti, come fornire gli orari dell’autobus o rispondere alle FAQ.

Sem è il primo framework per chatbot specializzati nel dominio della PA italiana. Può contare su una capacità di elaborazione ed estrazione di informazioni dagli atti pubblici di gran lunga superiore agli altri virtual assistant di general purpose esistenti. La sua semplicità di configurazione permette inoltre di adattarlo a vari contesti amministrativi, anche privati, senza l’ausilio di competenze tecniche specifiche. Un framework, insomma, per tutti i cittadini.

Lascia un commento